Cena siciliana – venerdì 14 settembre 2018  (h 20.00) Ristorante Vallemaggia

Il gusto dell’ospitalità

Il ”GRUPPO INTEGRAZIONE” di Locarno riprende la rassegna di incontri culturali e gastronomici con gli amici della vecchia migrazione italiana

Cena preparata con ricette siciliane (Prezzo: fr.30.-)  venerdì 14 settembre 2018  (h 20.00) presso il Ristorante Vallemaggia , Via Varenna 1, Locarno

Con la rassegna “il gusto dell’ospitalità”, il Gruppo integrazione intende rafforzare i vincoli di cordiale convivenza con le comunità ospiti e contribuire a diffondere maggior rispetto e consapevolezza nei confronti della dimensione interculturale della nostra alimentazione.  

ISCRIZIONE

Tel.091751 83 74/  Libreria Alternative        oppure :         gruppointegrazione.locarno@gmail.com

 

Memorie di un migrante – venerdì 14 settembre 2018 – ore 18.00

Nel libro “Partire con un treno … tornare con Facebook”, PIPPO BELLONE racconta la sua migrazione a Locarno negli anni sessanta. La testimonianza di questo autore costituisce un caso esemplare di memoria migratoria che verrà presentata alla Biblioteca cantonale – Palazzo Morettini Locarno venerdì 14 settembre 2018 -­‐ ore 18.00. Saranno presenti l’autore Pippo Bellone e il prof. Jean­‐Jacques Marchand che, recensendo il libro, introdurrà il tema della scrittura dei migranti italiani in Svizzera.

“Chi è stato migrante non può, neppure volendo, rimuovere le esperienze che ha vissuto. La memoria è una sorta di racconto interno che serve per fare un po’ d’ordine dentro di sé ma che può servire anche agli altri. Raccogliendola in un libro ho voluto esternarla per poterla consegnare ad altri, per condividerla. (…) Spesso mi chiedo come sia possibile che un popolo che è stato esso stesso emigrante fino a poco tempo fa, confrontato con nuovi flussi migratori, che hanno il proprio paese come punto di arrivo, non sia in grado di capirne le sofferenze e le motivazioni. Molti di quelli che con fatica o fortuna sono riusciti a cavarsela nell’emigrazione trovano conveniente crearsi una nuova identità rimuovendo il passato. D’altronde, chi arriva oggi in Europa appare molto diverso da come eravamo noi, diverso dai migranti di una volta. Esasperando la percezione della diversità, il meccanismo dell’identificazione non funziona. Nei nostri paesi molto si gioca sul fatto che per essere accettato devi mostrarti il più possibile simile a quelli che ti ospitano.” (Pippo Bellone)

Jean‐Jacques Marchand, professore ordinario di letteratura italiana all’Università di Losanna fino al 2006. I suoi ambiti di specializzazione sono il Rinascimento (Machiavelli e la poesia di corte del Cinquecento) e la letteratura contemporanea, in particolare la letteratura degli emigrati italiani nel mondo. Autore di vari volumi e di un centinaio di articoli, ha organizzato convegni su Machiavelli,sulla storiografia toscana del Quattrocento, su La letteratura dell’emigrazione italiana nel mondo (1990) e su “Varcar frontiere”. La frontiera da realtà a metafora nella poesia di area lombarda del secondo Novecento(2001). È stato membro del Consiglio di Fondazione del Dizionario storico della Svizzera e del comitato dell’Accademia Svizzera di Scienze Umane e Sociali. Dal 2017 è membro dell’Accademia della Crusca (Accademia della lingua italiana).

Pippo Bellone, animatore culturale, è nato a Sambuca di Sicilia. Emigra da ragazzo alla fine degli anni sessanta nel Locarnese. Svolge l’attività di parrucchiere. Dopo il matrimonio rientra in Italia. Oggi vive in Basilicata a Montescaglioso dove ha fondato la casa editrice LilitBooks. Nel 2011 pubblica “Partire con un treno … tornare con Facebook”. Seguono “Aprire una finestra” (2012), “All’ombra di un ficus” (2014) e “Te lo dirò domani” (2017).

Scarica la locandina

Iscrizione alla cena del 14 settembre