INTEGRAZIONE

L’integrazione è un processo grazie al quale gli individui partecipano alla vita collettiva attraverso il rispetto della legalità, l’attività professionale, l’apprendimento di norme di consumo, l’adozione di comportamenti familiari e sociali, la piena capacità di comunicazione e l’allacciamento di relazioni con gli altri.

Dall’ordinanza del Consiglio Federale del 13.9.2000:

Per integrazione si intendono tutti gli sforzi destinati a:

  • Favorire la comprensione reciproca tra popolazione svizzera e quella straniera;
  • Facilitare la loro coesistenza fondata su valori e comportamenti comuni;
  • Familiarizzare gli stranieri con l’organizzazione dello Stato, la società, nonché il modo di vita in Svizzera;
  • Creare condizioni propizie alla pari opportunità e alla partecipazione degli stranieri alla vita sociale.

 Senza integrazione, l’approccio alla diversità produce l’antagonismo di pratiche, valori e tradizioni che finisce per minare la coesistenza civile. 


MULTICULTURALITÀ/ INTERCULTURALITÀ

I due termini sono spesso erroneamente confusi. Non sono equivalenti giacché fanno riferimento a situazioni e a pratiche diverse. Appartengono a concezioni sociali e a obiettivi politici spesso divergenti.

Per multiculturalità si intende la compresenza di culture diverse entro una società, un determinato territorio. La multiculturalità è oggi un dato di fatto, una realtà di diversi paesi in cui sono avvenuti dei flussi migratori e persone provenienti da diversi contesti culturali si trovano a convivere senza avere necessariamente rapporti tra di loro. Spesso restando chiusi tra di lolo.

La multiculturalità non presuppone infatti l’attivazione di momenti di contatto. Trova la sua espressione più frequente nella creazione di nicchie etniche, di piccoli ghetti comunitari in cui ciascuna cultura continua a praticare le proprie abitudini, le proprie tradizioni senza lasciarsi troppo contaminare dalla cultura degli altri.

Il termine interculturalità introduce l’idea di scambio, di interdipendenza, di dialogo, di negoziazione fra persone o gruppi di culture diverse. Tali scambi producono dei cambiamenti e danno vita a competenze che facilitano la creazione di nuove relazioni culturali.

La prospettiva interculturale concepisce le diverse identità culturali come mutevoli e in continua trasformazione, presuppone che l’identità, per potersi arricchire e sviluppare, necessita del confronto con l’alterità.

Quali sono i rischi nelle relazioni interculturali?

Sottovalutare la differenza culturale. Negare la specificità culturale dell’ambiente in cui l’altro ha strutturato la sua identità. Ciò rivela un atteggiamento etnocentrico.

Al contrario, sopravvalutare la differenza culturale. Ovvero, identificare come culturale tutto quanto avviene nella relazione. Si interagisce con la cultura ma non con la persona: depersonalizzazione dell’altro, considerato alla stregua di un rappresentante stereotipale della sua cultura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...